La città è una caponata

Cosa accade nelle Piazze e nelle Strade di Messina? Tanti osservatori dal palco dei social media vedono il mondo cittadino intorno, gli usi dello spazio e trillano annunciando nuove forme di urbanità o di oscenità, dichiarando forme di vita in comune o di accaparramento dello spazio, di inciviltà e regressione, vitalità e sviluppo, spasmi scomposti prima della morte civica.

Nelle strade e nelle piazze di Messina accadono occasioni da villaggio, da rione, da piccola e media città mediterranea; avvengono usi e abusi commerciali, si muovono spacciatori culturali e spacciatori di beverage, balli di piazza o milonghe improvvisate e karaoke fastidiosi, Urban Yoga e Street Gym. Ci sono saracinesce che si alzano, mood che si formano e poi si fermano, serate e mesi luccicanti  che in un lampo svaniscono, nella città si muovono in tanti, spesso intrecciandosi per caso o necessità: fighi, bamboccioni, chic, baitti, zalli e mau mau,

Che sia una processione, una movida, una sagra di paese in centro, una notte bianca o un black day, un festival della cultura mediterranea o un panino con la meusa incrociato con il Tajone (ndr. dajuni per gli accademici della crusca messinese), che sia  il pitone e la focaccia, un canto per san’Antonio o una sfilata dei confrati incappucciati, tutto riporta alle declinazioni dell’effetto città. E’ la città bellezza! Quello strano marchingegno instabile creato dall’uomo, adattabile ai luoghi e prodotto dalle società che lo abitano e lo costruiscono. La città è un modello di comunità aggregata nello spazio fisico, nella cultura e nel tempo, sempre in crisi ma sempre in crescita, luogo di contrazione e rilascio di energie, di raffinatezze, astio conflitto e ruvidità.

 La città è una frittola, una scagliozza, una caponata, un paesaggio, un ornato infinito, un saliscendi di colline tempestate di palazzine, punteggiate dai forti e ondulate dalle chiome dei pini; una maglia rigorosa di prove d’autore, di giardini e spazi segreti, di suk maldestri e costruzioni baraccate, di vuoti chiusi a chiave e resi indisponibili. La citta è una risma di fogli trasparenti, su ogni foglio ci stanno tracciati dei segni e degli scarabocchi ma è la sovrapposizione che forse alla fine ricostruisce una figura che poi forse è l’identità precaria o provvisoria che tutti cercano.

Di tutte queste occasioni si può dire di tutto, ma come diceva un vecchio slogan quando la fantasia voleva andare al potere “la bellezza è nelle strade“ poi qualcuno se è bravo la piglia e la raffina, la rende alta, gli dà una forma, la differenzia, la narra e la rende narrabile.

La città di Messina quando avevo 16  anni era un deserto, aveva le feste comandate ma per il resto stagnava. E’ vero che gli anni precedenti erano stati di piombo, che c’era il flusso e il riflusso e l’individuo strutturava il suo nascente edonismo; la Milano da bere avanzava e Messina  beveva e ballava altrove, i più ricchi ballavano facendo la spola su  Taormina e Catania, gli altri se proprio non resistevano in casa restavano dentro piazze semideserte con nessun bar  aperto aldilà dei soliti quattro.

Questi ultimi 15/20 anni sono stati un cocktail lungo quanto le riviere, la città è più vispa impoverita e più consumista, la cultura fa fatica come sempre ma mostra piccoli fermenti diffusi o anche solo ribolliture, le culture stanno nel tempo e nello spazio ma non si può sempre ricordare che a piazza Cairoli c’era la gloriosa libreria Ospe, i tavolini del caffè Irrera o che gli anni sessanta erano “fantastici”, perché tutto quello terminò già quando io ero poco più bambino.

Le capannine fumanti di arrosti e fritture di cibo, ficcate temporaneamente sotto gli alberi di piazza Cairoli hanno fatto esultare o incazzare dividendo promotori cittadini e detrattori.  Certo si possono fare meglio o migliorare ma alla fine hanno un tempo provvisorio.

Le città non sono solo le osservazioni di Goethe e le sindromi di Stendhal ma puzzano anche, scambiano merci odori e cibi, lo fanno negli spazi o edifici specialistici ma anche nelle strade e delle piazze.

Messina per la sua storia accelerata dal sisma fu rifatta su principi igienisti e modelli ingegneristici, tracciata e pensata a tavolino venne offerta alla vita di sfilacciate comunità di abitanti sopravvissuti e immigrati dal circondario e dell’area dello Stretto.

Le teorie urbane, la pianificazione del tempo, l’urgenza della ricostruzione cercarono di comporre una città in cui le piazze centrali si specializzavano tipologicamente secondo alcuni dei repertori delle piazze italiane.   Infatti, la storia italiana indica con tutta evidenza l’importanza della piazza quale centro vitale della città, una specie di palcoscenico dell’identità e del senso di appartenenza di una comunità, che permette la manifestazione quotidiana della collettività e del potere cittadino. La piazza italiana, nel repertorio storico dunque, si propone come un’inesauribile rappresentazione della vita en plein air, una messa in scena “teatrale” concepita per accogliere la folla delle feste, dei mercati, delle celebrazioni religiose.

I tre modelli consueti della tradizione italiana sono la piazza della cattedrale, la piazza civica, la piazza del mercato. Nelle stratificazioni urbane progressive sono  spesso intrecciate e si sovrappongono. Da queste premesse, e dalle innumerevoli variazioni che vengono a generarsi a seconda delle diverse situazioni culturali, geografiche, storiche, sono nati i sistemi di piazze, tipici dei centri italiani, in cui l’intersecarsi di ruoli e funzioni ha dato vita a “combinazioni” di spazi urbani originali e differenziati. A Messina la nascita contemporanea della nuova città pianificata non diede lo spazio e il tempo della combinazione. Il luogo combinatorio per eccellenza di funzioni, classi sociali, attività del lavoro e del potere economico cosi come dell’immagine cioè il porto e la sua palazzata diventarono altro. Il mercato della pescheria in metallo posizionato sulle banchine del porto e riproposto anche dopo il terremoto venne definitivamente sbaraccato ed espulso dalla città dopo essere stato centrato dalle bombe del 1943. Per tutto il dopoguerra, i gloriosi anni sessanta e poi gli anni settanta ottanta e novanta,  sono le attività canoniche dello scambio e dei mercati che come denti cariati vengono estratti dal corpo della città, dismessi o demoliti quelli rionali degli anni trenta, “sanificate” le strade mercato intorno a villa Dante o quelle del mercato di San Paolino su via Santa Cecilia; espulsi i mercati, le attività collaterali delle botteghe promiscue non decollano anzi non trovano nuove identità. Programmaticamente secondo un banale prontuario igienista tutti i mercati tematici, quotidiani o periodici saranno posizionati ai margini urbani non diventando né motori della riqualificazione delle periferie disperate, né stimolatori  per il cuore stanco del centro città.  Nel frattempo nuovi modelli economici e tipologici spostavano i flussi commerciali nei Mall center extra urbani in salsa locale.

A volte l’igienismo senza pensiero uccide i luoghi e l’economia, costruendo immagini senza corpo.

Nella storia le fiere e i mercati nacquero dall’aggregazione di venditori ambulanti che, a scadenze prefissate del calendario civile o religioso, si riunivano per offrire i loro prodotti. È l’aggregazione sociale e commerciale che mette in relazione dinamiche urbane e prove di convivenza, è il disporsi delle attività nello spazio che narra la specificità delle città. L’espulsione delle forme organizzate di mercato genera altre forme di accaparramento individuale di marciapiedi angoli di strada e luoghi visibili per le attività di scambio. Già perchè il cibo di strada, “veristicamente popolare”, quando è nelle strade e non in rassegna ordinata o informalmente contrattata, spesso prende spazi, ingloba semafori e interi marciapiedi, sposta l’economia sulla forza o prepotenza individuale e di uso esclusivo dello spazio. Invece di sviare il discorso, sono le strade, le piazze e gli spazi urbani i beni comuni materiali a cui sovrapporre prove di comunità e di usi non esclusivi,  ciclici, innovativi ma anche transitoriamente banali.maschere-topolino-815x420

Annunci

Gioco a Palazzo

Le migliori interpretazioni di un progetto per bambini sono i bambini. #battagliadeicuscini #works #messina #child #kidspace #kids #sabirfest2017 Galleria Vittorio Emanuele, Messina.22459402_10212506875741363_3917262065062431505_o

Messina, gli incendi e la geografia della Città

“L’albero di prima è morto crocifisso, è stato deposto e sepolto dal fuoco, quest’albero come nel quadro di Sibiu di Antonello da Messina è un palo teso e un tizzone spento, quest’albero come nel quadro di Anversa di Antonello è un legno spoglio per issare carne”

Gli incendi hanno fatto parlare, gridare, scrivere e accusare. Siamo tutti pianificatori ambientali, conosciamo le gestioni forestali e i programmi regionali, discutiamo sulle reti natura 2000, le “zetapiesse”, i soprassuoli, i finanziamenti europei, i piani di azione locale, i Gal.

Esperti in protezione civile, invochiamo la protezione militare, arrivano i nostri non arriva nessuno, c’ero e ho visto, non c’era nessuno, eravamo abbandonati, allarme, panic no panic.  La sicurezza, gli eroi, i lavoratori, l’economia del rischio, gli striscioni, la paura, il coro da stadio, i colli sono friabili, le conifere ardono, il sottobosco non è controllato, ci sono le mafie e poi pure l’indifferenza. L’infinito carattere distruttivo e la volontà di morte.

Ogni incendio appiccato rimbalzava come l’eco di vallone in vallone, appiccato su a Calamona, risuonava all’Annunziata, correva a Giostra e poi a San Michele, poi ancora eco a Campo Italia, Casazza, Portella etc etc.

La geografia della città è stata sulla bocca di tutti, la forma del territorio pure, perché a ben pensarci Messina più di tante altre è una citta geografica, ha proprio forme, strutture e sistemi di colli, bacini fluviali, valli, mari, pizzi e calanchi, ma anche diffusi sistemi insediativi di piano, di colle e di pizzo che sembrano un atlante didattico. Sappiamo pure che nel pensare comune la geografia è per antonomasia una disciplina scolastica neppure tanto considerata. Fuori da scuola la geografia è vissuta come un’illusione, un gioco, una vacanza, una scienza mnemonica e fantasiosa. Eppure dall’intuizione di un libro di Giuseppe Dematteis sappiamo che la geografia è anche una metafora che ci consente parlando di una cosa di intenderne anche altre, senza geografia è difficile parlare degli umani. Ogni incendio si è sviluppato in una stanza territoriale diversa, perché ogni fiumara e i vari compluvi costruiscono a Messina stanze diverse, ogni valle ha i suoi villaggi che raramente hanno percezione e conoscenza degli altri villaggi. Affacciarsi da una finestra o da un’altra può far vedere fiamme infernali, flebili fumi o pacifici panorami.

La citta geografica è questa, con la sua forma diversa non riassumibile se non dall’alto dei voli o in parte dallo Stretto di mare, lo Stretto luogo fisico che permette di vedere, allineare e fare contare tutti insieme i fuochi degli incendi sui valloni, i compluvi e sui pizzi; vederli di qua e di là delle due coste come in un’impazzita Fata Morgana incendiaria. Questa forma variegata della nostra città geografica è fatta di stanze territoriali, spesso non comunicanti; stanze non comunicanti tra di loro che insieme alle terribili e storiche calamità,  forse spiegano un po’ la difficoltà antropologica di fare comunità anche di fronte alle difficoltà, solo l’eco comunica qualcosa ma lo fa in maniera alterata. Non ho certezza che la geografia di Messina rimarrà sulla bocca di tutti anche dopo aver spento gli incendi, eppure penso che la forma del territorio e delle città andrebbe conosciuta da tutti, somministrata in vari modi, un po’ come, l’acqua, l’aria, il cibo e l’amore. Ma anche  raccontata civilmente e scientificamente tutti i giorni della vita. Per questo non sapendo nulla di botanica provo  a raccontare un’immagine postuma di un albero defunto per il fuoco:

– L’estate brucia e le curve mi fanno risalire i colli sopra la città. L’estate brucia e porta via quello che non vorrei. Sono al trivio della portella Castanea, lì tra la risalita, la continuazione e la svolta, sta conficcato in terra un palo nero con alcune braccia a forcella; l’albero di prima è morto crocifisso, è stato deposto e sepolto dal fuoco, quest’albero come nel quadro di Sibiu di Antonello da Messina è un palo teso e un tizzone spento, quest’albero come nel quadro di Anversa di Antonello è un legno spoglio per issare carne.

Quello che vedo è solo questo ramo combusto, nero come pece, morto come un morto, e da cui sono svaporate le foglie ed è stata risucchiata la linfa.

Lo sfondo azzurro, impietoso per la sua bellezza, accompagna la figura, la porta via dalla natura e la sposta nell’accidentale luogo delle cose artificiali: tra cielo e terra si è infilzato un palo nero, senza nessun corpo santo e ladrone fissato e legato, ma con uno strano miracolo intorno alle sue braccia monche che prima erano vegete.

La chioma rinata per astrazione si aggrappa ai rami in una nuvola bianca lattiginosa e densa, apparizione risorta tra cielo e terra.

 Il tizzone nero ha corpi umani contumaci e una nuova improvvisa surrealtà.

 Il tizzone è solo al trivio, tra la risalita, la continuazione e la svolta; non c’è più linfa ma la sua nuova chioma di nuvole è labile e poetica e allude a una vaga possibilità.

L’infinito carattere distruttivo degli uomini si accompagna anche a un infinito carattere costruttivo degli uomini, quello che inventa anche nuove identità, quello che 100 e più anni fa anni immaginò un progetto di lunga durata progettando la foresta di Camaro o immaginò la scelta monotematica delle alberature conifere dei colli piantumando uno ad uno i piccoli alberelli. Chi progettò l’idraulica e la botanica dei colli, e tra questi Leone Savoja e Camillo Puglisi Allegra e poi gli anonimi forestali,  dalla fine dell’ottocento fino agli anni trenta, fece un progetto di lunga durata, un progetto senza la spinta narcisistica del risultato immediato e della soddisfazione della costruzione compiuta. Adesso che il risultato c’era, di nuovo in parte occorre ricominciare. IMG_4064

Il MuMe: la fabbrica, il tempo e la città

 

Evviva, abbiamo aperto il Museo! Ci sono voluti 109 anni dal sisma, 104 anni dal primo progetto di Valenti, 64 anni dalla costituzione del primo nucleo nella ex filanda,  61 e 56 anni dai progetti dei funzionari statali, 41 dal primo progetto finanziato dalla cassa del Mezzogiorno a firma di Carlo Scarpa e Roberto Calandra poi dimenticato; poi 34 anni di tempo tra  l’appalto concorso vinto dalle imprese D’Andrea-Edilfer con il progetto architettonico di Fabio Basile, Manganaro e De fiore per  la costruzione  dell’involucro; 26 anni sono passati  dall’inizio del successivo progetto di riconfigurazione e allestimento interno dell’architetto Virgilio con la direzione museale Cicala Campagna e poi ancora altri 11 per i completamenti e adeguamenti portati avanti dall’architetto Anastasio con la direzione museale Barbera e Di Giacomo.

Ci sono voluti 9 direttori del museo che si sono susseguiti dal terremoto in poi, tanti funzionari del museo e restauratori, svariati amministrazioni regionali, tanti ma chissà quanti assessori regionali, decine di dirigenti e lavoratori. Quello che nelle dinamiche finanziarie costruttive e mediatiche dei  tanti musei contemporanei, appare veloce, qui ha assunto la complessità lenta e meridiana della parlata lenta, metafora allusiva di una Italia meridiana e di una Sicilia complicata

Il tempo però è una delle variabili delle costruzioni, per fabbricare ci vuole il tempo e i soldi,  il tempo spesso scavalca e calpesta  lo stesso significato delle cose, scavalca l’urgenza, le voci,  poi però arriva pure un tempo nuovo in cui le cose accadono.

Alcune fabbriche di edifici sono più o meno, sfortunate, collezionano incidenti, anche errori di concezione, sbagli tecnici e amministrativi, dissonanza tra domanda e risposta o spesso la domanda della società e la risposta del potere, degli architetti e degli esecutori vive in asincrono .

I cento e più anni della fabbrica del duomo di Siena, le tante chiese non finite, le incompiute della storia, i san Petronio, il tempio Malatestiano, le stratificazioni urbane, le fabbriche infinite dei grandi sistemi basilicali, le vicende tortuose di tante opere dell’archiettura moderna, le epopee costruttive ,ci stanno a dire che non tutto è liscio come l’olio e che il tempo della costruzione non vive di funzioni lineari.

Il viaggio pubblico dentro l’edificio del Museo di Messina finalmente aperto è un viaggio strano. Quell’edificio stava lì da decenni appoggiato sulla spianata di San Salvatore dei Greci, invecchiava con noi, segnava un limite fortificato tra sistemi di città, marcava un luogo senza essere utilizzato; eppure da anni e anni qualcosa accadeva lì dentro, una storia dentro la storia, lenta, sincopata, creativa, burocratica, accelerata. Una storia spesso interrotta e poi ancora riattivata febbrilmente.

 

 

Le fabbriche delle costruzioni sono strane, poichè dilatano l’esattezza del tempo di programma  e lo modellano su quella della società, meno la società è attenta più il rischio è quello di allungare le scadenze, meno c’è domanda meno c’è urgenza di risposta.

Quell’edificio visto da fuori era come un parente un po’ strano di cui sapevamo la gloriosa storia, ma di cui ci eravamo un po’ dimenticati, stava con noi, lo facevamo stare a tavola con noi ma era una convivialità senza discorsi, eppure lui era vivo.

In questi anni la presenza dell’edificio in apparenza finito conviveva con una città che tutt’intorno lo ignorava e faceva altro. Una presenza solida di un corpo a basso contenuto d’immagine architettonica, per capirsi niente d’iconico, niente di epocale, nessun messaggio o figurazione accattivante. Le stagioni passavano e nel giardino della memoria intorno al museo si piantavano frammenti architettonici, porzioni di portali sontuosi e fontane della città, una ricomposizione di figure in frantumi, le stagioni passavano e l’erba verde, la flora improvvisa e i fili gialli, le gramigne secche o le verdi ferule sommergevano facce di mostri decori barocchi e le aquile borboniche.

Fuori era immobile ma dentro la sua pancia continuava a comporsi e ricomporsi l’organismo. Da dentro uomini e donne lavoravano, piccoli passi, grandi passi, spostamenti, micromovimenti e poi  procedure oppure  cose solo dure a digerirsi .

La fabbrica costruttiva, il cantiere degli allestimenti e della costruzione scientifica dei progetti (museali) non è mai un’azione individuale ma un’incredibile azione collettiva composta da migliaia di azioni individuali che si ricompongono  collettivamente alla fine e con sorpresa in un organismo vivo.

Oggi sono percorribili 4500 mq di esposizioni, poi 3000 di spazi a servizio , poi altri 5000 esterni e poi ancora altri 1000 della vecchia filanda per le esposizioni temporanee. Dicono che il percorso cronometrato, con i fili multipli di lettura, le trame fitte e le trame lasche, con le gemme e le costellazioni di opere è di circa 120 minuti per attraversare 27 secoli di arte, lavoro umano, cultura e urbanità .

Io sono lento e non ho finito, ho visto il debutto per emozione e necessità, come evento comunitario prima ancora che come esperienza museale. Ho filtrato la storia con le immagini dei quadri, con i frammenti architettonici e scultorei, con quello che so e tutto quello che posso imparare.

La festa di apertura è tante cose insieme, spazio di comunità, rappresentazione, discorsi, città, persone, ruoli, baciate, strategie, accordi, sorrisi, veleni.

Un quadro della collezione La Madonna del Rosario del Museo Regionale di Messina, databile al 1489, è un’imponente pala d’altare proveniente dalla chiesa di S.Benedetto aldilà del significato artistico e attributivo è un quadro che schiera alla destra e alla sinistra del soggetto di culto le figure del potere, i notabili, i protagonisti, ecco all’inaugurazione c’era un po’ la stessa immancabile rappresentazione da portare nella memoria individuale e collettiva. Il soggetto e le schiere!

I musei sono tante cose, sono una macchina scientifica della narrazione della memoria culturale, sono luoghi di città e di esperienza, sono riferimenti spaziali, sono quello che riassumono e quello che proiettano, sono sempre e comunque un’occasione.

Di sicuro il museo di Messina soprannominato all’ultimo momento con una sigla MuMe che ahimè non ritrovi neanche nel cartello d’ingresso, è un’esperienza non banale, dentro c’è bellezza e complessità nelle opere, anche tanta eccedenza di allestimento, alcune ridondanze dell’architettura d’interni, ma anche una modalità di percorso architettonico:  un modo di affacciarsi,  risalire, inquadrare, ritrarsi, vedere, osservare, scorgere prospettive, lampi  e scorci di paesaggio. E’ un po’ come avviene camminando nelle città dove mai nulla è scontato, dove non tutto ti piace, ma insieme si tiene o s’incastra. Poi le opere raccontano vicende incredibili cui sarà necessario accompagnare successivi supporti didattici e topografici.

L’archeologia, i dipinti, le sculture, i frammenti architettonici, nel nuovo spazio rimandano in circolo dopo tanti anni di attesa (e più di 100 dal sisma) non solo il passato e le antiche vestigia ma un’idea di città cosmopolita, che connetteva esperienze globali e locali. Tantissimo da imparare rispetto al martellante localismo del presente .

Ecco il muso ora c’è, non consente più alibi, avrà bisogno di risorse per farlo vivere e programmare, avrà bisogno di finanziare la realizzazione di attività di servizio per la libreria e la caffetteria e i servizi collegati con i visitatori, avrà bisogno di risorse per la proiezione sul mondo.   Intorno, la città fisica ha bisogno di essere migliorata e integrata al polo, va curata , pulita come non si è fatto neanche nella giornata di apertura,  va ridato senso urbano alle sue parti sfilacciate e marginali, fuori dalle assurde vicende proprietarie tra enti diversi sull’appartenenza delle aree di costa, va ricompreso il ruolo di città e comunità. Forse vanno anche omaggiati attraverso i nomi e la toponomastica di tutti i luoghi intorno al museo tutti quei soggetti che nella storia museale della città ebbero il ruolo assoluto, salvando le opere, liberandole dalle macerie del vecchio museo civico e delle chiese distrutte. Un omaggio ad Antonino  Salinas e Gaetano Columba potrà farsi chiamando il viale o i giardini urbani che sono lì intorno.

Oggi il polo del museo è un frammento urbano che ricompone altri frammenti; frammento nella lingua italiana significa un piccolo pezzo staccato per frattura da un corpo qualunque. Questo esprime una speranza, ancora una speranza, e come tale trova confronto con il rottame, che esprime una moltitudine o un aggregato di cose rotte. In questo significato, rottame potrebbe essere il corpo della città futura se le cose non dovessero cambiare e sempre più̀ fosse accettato il disordine come dato e una scarsa o casuale previsione del futuro. Per questo credo anche nella città futura come quella dove si ricompongono i frammenti di qualcosa di rotto dall’origine.

Così vicino così lontano, vedere la città

Marabello-840x420

Di tutte le arti quella di saper vedere è la più difficile” (E. De Goncourt)

Che siano le foto della tua vita privata, della vita sociale o dei luoghi del cuore, del paesaggio o della tua città, non si fa altro che sgranocchiare immagini, spesso le ingoiamo senza masticarle tra un beep e un Wup, di sapore non ne vogliamo proprio sentire cosi che le sputiamo prima di vomitarle. Le cause? Spesso siamo al rigetto per troppi contatti social,  troppa messaggistica, troppa simultaneità;  troppe figurazioni per semplificare qualsiasi forma di astrazione che potrebbe far sforzare il pensiero e provocare l’allenamento alla concentrazione;  la vita visiva  ogni giorno è rimpinzata di foto più di un rotocalco per bulimici,  una foto come premessa, una come tesi, una a commento e poi una come nota a piè di pagina, una come smentita e poi una a contro smentita, e poi  e poi… ancora e ancora…

Le foto della città fisica, magari della tua, sono strane, ossessive ripetizioni di cartoline, restituzione del già visto, ricercati glamour per collezionare like, poi qualche volta le foto diventano meravigliosa trivellazione di risorse dai pozzi abbandonati o ricostruzioni sorprendenti dell’invisibile per rinnamorarsi dei luoghi.

Le città hanno sempre avuto bisogno non solo della loro vita interiore, ma anche di qualcuno che le raccontasse in giro, le dipingesse, le descrivesse ai forestieri e spesso anche agli stessi abitanti così pressati dalla vita e dalla morte da essere costretti ad attraversale ed usarle senza neanche poterle guardare da fuori, oppure cosi abituati a guardarle ogni giorno distrattamente da non saperle vedere.

Alcune semplici immagini zenitali del nostro territorio e della nostra città poco tempo fa hanno destato meraviglia, foto fatte da droni senza anima e funzionali alla tecnica del racconto delle gare ciclistiche o a quelle del racconto della sorveglianza di polizia del G7, hanno toccato le nostre latitudini e le corde del nostro immaginario.

Eppure da anni smanettiamo senza sosta su Google maps o su Google Earth; zoomiamo sugli smartphone e ci alziamo in volo dal quel cacchio di scrivania dell’ufficio; planiamo su viali e i boulevards di posti vicini e lontani cercando quell’impossibile “non luogo” dove si svolgerà quella fantastica festa del sabato; o cerchiamo la casa dell’amichetta di tua figlia che ha deciso per scelta di famiglia di costruirsi la casa in quel famoso poggio dove pure il famoso “signoruzzu ha perso le scarpe”.  Tecnologici e tattili planiamo e navighiamo, potenti più di Batman e Tim Burton però poi precipitiamo sulle terrazze di Lilla e Nino, finendo pure dentro la lettiera del loro gatto Sciollero, vediamo con il Gps pure i loro slip e le canottiere appese ma ogni volta che vediamo una bella ripresa TV o una foto di chi vuole raccontare la nostra città ci meravigliamo e diciamo, Mizzica e questo dov’è?” 

Niente, tutti questi anni di overdose d’immagini sono stati inutili, più il territorio e a portata di click meno capiamo dove ci stiamo infilando e se stiamo vedendo, più zoomiamo e meno guardiamo. Quindi benvenute immagini che hanno fatto scoprire che piazza Castronovo è tonda e che il PRG post terremoto ha fatto costruire gran parte della città a scacchiera , e ben venga che si siano scoperte  le curve sinuose delle coste del messinese o la linea mossa e accidentata delle rocce joniche e le geometrie sontuosa del Teatro greco romano di Taormina.

Ma insieme alla visione fatta dal drone, quella lontana che restituisce una sintesi quasi sempre bellissima, c’è n’è un’altra, la visione ravvicinata che dettaglia la ricchezza dei particolari, che inganna l’occhio e la mente. È bello il paesaggio urbano e territoriale della città dello Stretto, belle anche tante architetture viste da vicinissimo: la ricchezza dei materiali, le forme urbane del decoro dei gessi e cementi, delle figure apotropaiche piazzate sulle finestre e i portoni. La visione ravvicinata ci fa vedere gli stacchi volumetrici nei dettagli di alcuni buoni maestri dell’architettura passati da qui per ricostruire la città azzerata;  ci permette di osservare  i piacevoli  i tentativi del professionismo locale di applicare le arti all’edilizia condominiale del boom messinese degli anni 50 e 60 fino agli albori del 70; da vicino appare pure  chiara la trama e il rigore delle textures delle prime forme edilizie a basso costo degli istituti per l’edilizia popolare o  degli elementi materici di alcune strade.

Poi però ci sono le visioni intermedie, le più crude: quelle spesso dicono le verità;  altro che piercing urbani e tatuaggi, spesso è roba da splatters . La città non è una veduta e neanche un vetrino al microscopio, funziona ancora benissimo dalla grande distanza, funziona egregiamente a distanza ravvicinata, perchè l’occhio può selezionare; ma poi, perché non funziona alla distanza intermedia? Quella dello sguardo delle relazioni tra parti e quindi delle relazioni della vita; da lontano siamo tutti belli e tutti amici, da vicino forse ci amiamo o ci scanniamo, ma alla distanza intermedia vediamo ferite cucite alla meno peggio, coltellate reiterate, polveroni e macerie nascoste sotto il tappeto, decapitazioni e mutilazioni, innesti cyborg, poltiglie urbane, impianti tecnologici e domestici vomitati sui balconi e sulle facciate, piazze sfigurate, “tagliate di faccia”,  protesi malmesse e sprangate squadriste su corpi urbani già deboli.

Le foto della città raramente annunciano un tempo, più spesso lo arrestano, sciogliendolo nella nostalgia del com’era, oppure sciogliendolo in un acido del presente.

Occhi ne abbiamo? Ma per usarli dobbiamo vedere e  quindi pensare, insomma serve allenamento a vedere e anche a immaginare. La visione è la forma di conoscenza principale della nostra cultura, ma la distanza e la scala possono cambiare il senso  delle cose. Nel film Blow up di Antonioni  l’ingrandimento fotografico è un metodo e farà scoprire a Thomas un delitto, insomma anche qui tra visioni urbane cosi vicine o cosi lontane , ingrandendo le foto……..si scopre un delitto come in “Blow-up”, spesso è il delitto del paesaggio o delle deboli tracce della qualità  urbana.

Socrate insegnava a Teeteto che non vediamo perché abbiamo gli occhi, ma abbiamo gli occhi “per vedere”,  per narrare e pensare  la città ricominciamo a fare delle verifiche per vedere alla giusta distanza.

La città e tutti i suoi Ex

senza-titolo

Che sia chiaro: non parlo né di ex amanti, né di ex mogli o ex mariti.

La città ha tanti ex pure tra i politici, gli amministratori, i notabili o i malfattori, ma è di Luoghi che parlo. Messina è piena di luoghi che portano denominazioni disperatamente ancorate a una condizione passata ma storicamente recente, a un nome passato che seppure cancellato persiste come se questo fosse una scialuppa di salvataggio tra le onde mobili del presente o quelle sconosciute del futuro.

La città non elabora con facilità il futuro e resta ferma o peggio rafforza nomi di luoghi collegati ad attività cessate che forse neanche all’epoca della loro massima attività ebbero tanta popolarità o che se la ebbero, da quell’epoca sono passati lustri, un ventennio o anche mezzo secolo.

Quali luoghi? Senza troppo pensarci dico a raffica: ex Gil, ex Gasometro, ex Fiera, ex Sea Flight, ex IAI, ex Irrera a mare, ex Inceneritore, ex Magazzini Generali, ex Rowenta, ex Metropol, etc etc; l’elenco superando il numero dei cinque Ex mi impedisce di liquidare rapidamente l’argomento dentro l’azzeccata rubrica i Cinque di LetteraEmme e chiama una breve riflessione.

Alcuni tra questi luoghi denominati come Ex sono degli Ex di tipo Trans generazionale (Sea Flight ad es.), o trans identitari (continuare a chiamare ex IAI, i locali della già furono ex Provincia ma già Città Metropolitana, ecco fa scivolare sotto il tavolo ogni certezza d’identità), insomma sono degli Ex chiari a molti e oscuri a tanti o meglio incomprensibili e sfocati se trascinati nel linguaggio o negli appuntamenti urbani della gioventù dei Millennials, o nella testardaggine con cui alcuni di questi ostinati Ex si infilano nei  documenti ufficiali, nei progetti e nelle programmazioni di svariate amministrazioni o enti  pubblici.

La forma avverbiale dell’Ex con il trattino e anteposto al sostantivo, indica che la condizione o funzione espressa dal sostantivo stesso è ormai decaduta o cessata, quindi se smontato e demolito il Gasometro di viale della libertà e sparito alla vista e dall’olfatto dei messinesi da oltre quaranta anni, non si capisce come possa tornare in alcune conversazioni o in molti articoli giornalistici, nome riproposto malgrado la sua evidente inesistenza materiale come Ex Gasometro. O perché l’area sportiva della Gioventù Italiana Littoria –GIL- organizzazione aggregativa dei giovani fascisti, cancellata da una guerra mondiale e da una guerra civile, dai bombardamenti degli angloamericani e dalla repubblica antifascista resti ancora oggi in quella condizione intermedia di ex Gil, e com’è interpretabile quel nome per mia figlia tredicenne. Perché quel rudere Ex Sea Flight nonostante la sua fallita e dissennata esistenza di fabbrica di aliscafi sulla punta di Cariddi, mostri cosi tanta resistenza a cambiare nome o perlomeno a riconquistare persino un nome pieno senza quella sottolineatura di una condizione di ex.

L’ex riferito alle persone è spesso una funzione che indica qualcuno con cui si è troncato un rapporto amoroso, forse allora si può capire che con qualche luogo o attività di Messina, alcune generazioni hanno intessuto rapporti amorosi, o perlomeno immaginari amorosi che fanno comprendere l’inerzia a voltare pagina.

Poi c’è l’ex del linguaggio giuridico o burocratico che ci fa capire la provenienza di norme o articoli di legge. Potremmo quindi ipotizzare che tutti questi ex che pullulano in città sono semplicemente un’indicazione di provenienza, che si fa tanto più forte e resistente nella costruzione immaginifica della narrazione familiare o di comunità dei nomi, o nel bombardamento della Comunicazione, da potere attraversare indenne quartieri, classi sociali età e generazioni e ripresentarsi con quello status di Ex

Senza una mutazione di stato (mentale e culturale) dei luoghi, la città rimane su nomi che conosce o ripete oppure prende i nomi dei luoghi che passano svogliati dalle bocche degli abitanti, questo racconta una storia fragile che cerca identità di superficie e cancella invece con il napalm altre storie profonde.

Non vorrei che a furia di produrre tutti questi Ex la città apparisse come “una poco di buono”, o una mantide, o peggio una vedova con tutti gli ex, defunti da tanto tempo ma ancora tenuti in casa, mentre quelli che non sono ancora ex, sembrano sempre pronti a diventarlo.